Pane di kamut ripieno (cottura nella pentola fornetto)…e un dettaglio

kamut2

Un dettaglio, anche il più insignificante può cambiarci la vita. In un attimo, quando meno ce lo aspettiamo succede qualcosa che ci porta su un sentiero che non avevamo scelto, e verso un futuro che non avremmo mai immaginato. Dove conduce quel sentiero? È il viaggio della vita. La ricerca di una luce. A volte però, trovare la luce significa dover attraversare la più fitta oscurità. O almeno, per me è stato così.

(Dal film “Ho cercato il tuo nome” di S. Hicks)

kamut1

kamut3

Ingredienti:

  • farina di kamut, 500 gr
  • lievito d birra fresco, 2 gr
  • latte fresco intero, 200 ml
  • acqua, 100 ml
  • miele, 1 cucchiaino fluido
  • pancetta tesa, una fetta da 120 gr
  • formaggio gouda, 200 gr
  • pistacchi al naturale, 20 gr sgusciati
  • sale, 1 cucchiaino colmo
  • olio evo, q.b.
  • vino bianco secco, 1 tazzina
  • farina di semola, q.b. per la lavorazione

Procedimento:

  • Setaccia la farina di Kamut e disponila a fontana. Scalda il latte assieme all’acqua fino a renderli tiepidi e sciogli quindi il miele e il lievito. Versa quindi la miscela di latte, acqua miele e lievito al centro della farina e inizia ad impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Lavora l’impasto energicamente praticando pieghe e stiracchiamenti, per almeno 15 minuti, e verso la fine aggiungi il cucchiaino di sale e fallo incorporare per bene.
  • Metti il panetto in una capace ciotola leggermente unta d’olio evo. Copri con la pellicola, anch’essa unta, avvolgi con un ampio canovaccio e fai riposare un paio d’ore a temperatura ambiente. Dopodiché trasferisci la ciotola in frigo per almeno 10 ore.
  • Prendi quindi l’impasto e lascialo riposare un paio d’ore a temperatura ambiente. Lavora l’impasto su un piano leggermente infarinato di semola per circa 5 minuti. Dividi l’impasto in sette parti possibilmente di uguale misura; stendi ogni parte fino ad ottenere un disco non troppo sottile e poni al centro un cucchiaio di formaggio gouda precedentemente ridotto a cubettini e un cucchiaio di pancetta a cubetti precedentemente rosolata in padella e sfumata con il vino (la pancetta deve essere fredda).
  • Chiudi ogni disco su se stesso e disponi ogni pallina ottenuta nella pentola fornetto precedentemente oliata per bene (la mia pentola fornetto ha diametro di 28 cm). Metti la pentola nel forno spento e lascia riposare almeno 6 ore. Dopodiché spennella delicatamente la superficie del pane con dell’olio evo e aggiungi i pistacchi tritati grossolanamente.
  • Poggia la pentola fornetto sullo spargi fiamma (in dotazione) su un fornello medio; per i primi cinque minuti lascia la fiamma al massimo; continua quindi la cottura con la fiamma leggermente più alta del minimo per almeno 1 ora e 20 minuti.
  • Lascia raffreddare, quindi sforma e servi.

kamut5

kamut4

gatta[1]

Annunci

10 thoughts on “Pane di kamut ripieno (cottura nella pentola fornetto)…e un dettaglio

  1. Allora, immagina me e un’altra blogger-gallinella a Torino che ci rigiriamo tra le mani questa benedetta pentola fornetto…la soppesiamo, la rovesciamo, l’agitiamo, mano fosse un uovo di Pasqua, e io dico: “sì, ma a casa dove la metto?” E lei: “eh, però è un affare…” “la ritroveremo a questo prezzo?” E io ancora “ma si fanno le torte? e poi? ci si può cuocere qualcos’altro?”
    Insomma alla fine le abbiamo lasciate lì, la mia e la sua…è successo mercoledì, l’altro ieri. Ora vedo questa tua ricetta: un colpo al cuore! Che faccio? Esco in calzini sotto la pioggia per andarmi a procurare una di queste pentole fornetto? 😀
    Un abbraccio grande, Alessia!!

    Mi piace

    • Mannaggia i mille scrupoli delle donne! Sono sempre stata del parere che nello shopping bisognerebbe affidarsi agli istinti! 🙂 che io sappia ormai la vendono dappertutto…..per questo no, non uscire in calzini, risparmiati un raffreddore, che sicuramente la incontrerai di nuovo! Ale come sempre sei adorabile. Oramai non posso più fare a meno di te!! ❤

      Mi piace

  2. Bella frase.. Sapere che in fondo al buio tutto si rischiarerà porta a essere ottimisti.. Dona la giusta carica! ^_^
    Come la giusta carica me la darebbe anche una fetta del tuo ricco pane!
    Buonissimo!
    Ti abbraccio tesoro!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...